mb/blog/th...

Me Blog Texts Food Bookmarks Projects Contributions Feed

The IDE I was looking for

Here you can find the english version of this post.

Sono uno sviluppatore da ormai diversi anni, cominciai a googlare come creare un sito web quando avevo 14 anni e da allora di strada ne ho fatta (sono passato a StackOverflow 👅).

Ho la fortuna di essere cresciuto in un periodo in cui l’informatica, precisamente la programmazione, era in forte evoluzione. A quei tempi nessuno poteva immaginare che Javascript sarebbe diventato un linguaggio talmente famoso da far nascere fiumi di framework basati su di esso.

La tecnologia in se è evoluta ad una velocità tale da mettersi alla portata di tutti. Ci sono moltissimi linguaggi di programmazione, adatti ad ogni contesto, ad ogni sviluppatore.

IDE & Code editors

Cominciai la mia strada da programmatore su Windows, aprivo il notepad e mi divertito a far comparire scritte colorate sulla mia pagina web che, per fortuna, era in locale 😅.

Quando scoprii PHP, sentii la necessità di passare ad un editor più strutturato come Notepad++. Questo forniva plugins, sintassi del codice, formattazione e tanti altri strumenti che mi aiutavano a digerire meglio quel linguaggio.

In un anno passai a Visual Studio per esigenza di Visual Basic e C# anche se abbandonai questi linguaggi abbastanza velocemente quando comprai un iMac con OS X Mountain Lion. Li cominciai ad utilizzare editor come BBEdit e Brackets.

Il grande cambiamento fu quando diversi anni fa passai a Ubuntu. Da qui vi risparmio la carrellata di editor e IDE che ho provato, volendone solo citare alcuni: geany, gedit, eclipse, atom, code, elementary code e jetbrains*. Questi mi sono serviti a trovare lui, l’IDE definitivo.

L’IDE definitivo.

Il mio modo di programmare ed il target in se sono cambiati molto di recente. Dal 2017 ho cominciato a sviluppare bot Telegram per la sicurezza e gestione dei gruppi, software per desktop e server (Linux), portali di pubblicazione e gestione contenuti, CMS etc.

Essendo lo sviluppo di applicazioni GTK il mio target principale, ho cominciato ad utilizzare GNOME Builder, l’IDE tutto in uno di GNOME.

Evito di parlare della sua eleganza e del mio essere affezionato alle GTK in generale o non finiamo più di parlarne.

GNOME Builder è uno strumento potentissimo, permette di sviluppare principalmente in 7 linguaggi (quelli comunemente utilizzati da GNOME per le sue applicazioni):

Permette di scegliere sin da subito la licenza con cui distribuire il software, abilitare il versionamento Git e preconfigura il progetto per un determinato contesto. È infatti possibile scegliere il target per il tipo di applicazione che stiamo per sviluppare:

.. o banalmente un progetto vuoto.

Possiamo addirittura scegliere uno dei progetti di GNOME da cui imparare o collaborare.

Integrazione Meson & Flatpak

GNOME Builder è Flatpak e Meson by default. Questo significa che ogni applicazione creata, nasce come Flatpak e col il sistema di build meson+ninja.

Si tratta di una scelta opzionale, basterà eliminare il manifesto .json nella root del progetto per utilizzare solo la coppia meson+ninja. Ma apprezzo la scelta, Flatpak è di GNOME e lo trovo un ottimo incentivo favorire la distribuzione del progetto come Flatpak sin dalla sua nascita.

Glade, sei tu?

Da diverso tempo utilizzo Glade per la realizzazione delle interfacce GTK. Si tratta di uno strumento, veramente potente che da un editor grafico restituisce il progetto in formato interpretabile xml, normalmente con estensione .ui o .glade.

Include tutti i widget GTK, le proprietà, i segnali, accelleratori, tutto. Permette di realizzare una interfaccia completa da zero. Inizialmente, stupito dalla efficienza di questo strumento, non ho sentito la mancanza di una sua integrazione in GNOME Builder. Ma con l’espansione continua del codice di Bottles, una della applicazioni a cui lavoro, ho cominciato a sentire il peso del dover passare da una applicazione all’altra.

Ora, siccome sono una scimmia 🙈 e non analizzo mai per bene un programma prima di usarlo, non avevo notato che Builder fornisce una integrazione di Glade.

Credo si tratti di uno stadio ancora instabile perchè qualche rallentamento l’ho percepito ma questa integrazione fa di Builder l’IDE completo per quanto riguarda il mio utilizzo. Da qui posso iniziare e terminare lo sviluppo di una applicazione, senza mai abbandonare la schermata. Permette di sfogliare le documentazioni stesse senza passare al browser, integra la TODOlist, creata analizzando il codice dell’applicazione. Fornisce un debugger funzionale, lo strumento di analisi Valgrind e permette la profilazione del processo.

Grazie GNOME 💖, ti sarò per sempre riconoscente.

_Mirko